Il contributo segue gli sviluppi del ruolo svolto dalle arti in armi e del peculiare e complesso rapporto istauratosi tra queste e il potere centrale, rapporto che attraversava fasi di stretta collaborazione ma anche momenti di frizione, fino a giungere al viceregno di Domenico Caracciolo che, nel 1782, dopo che la facoltà di svolgere servizi di ronda o guardia notturna era stata rimessa esclusivamente ai gruppi di polizia istituzionali, vietava alle corporazioni di portare le armi.

Controllo del territorio e corporazioni artigiane nella Sicilia dell'età moderna

CALABRO', Vittoria
2010

Abstract

Il contributo segue gli sviluppi del ruolo svolto dalle arti in armi e del peculiare e complesso rapporto istauratosi tra queste e il potere centrale, rapporto che attraversava fasi di stretta collaborazione ma anche momenti di frizione, fino a giungere al viceregno di Domenico Caracciolo che, nel 1782, dopo che la facoltà di svolgere servizi di ronda o guardia notturna era stata rimessa esclusivamente ai gruppi di polizia istituzionali, vietava alle corporazioni di portare le armi.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11570/7606
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact