La singolare vicenda del deposito retribuito