Il tramonto dell'hegelismo: la "sfortuna" degli epigoni