Rorschach e rappresentazioni oggettuali nella depressione