Su pragmatica, cultura e lingua, e il ruolo del vocabolario