«Quel ch'è padre... non è padre». Lingua e stile dei libretti rossiniani