"Defensive Medicine": l'importanza della valutazione preanestesiologica