Partendo dall'idea che le culture e le relative lingue che si trovarono a convivere nella Penisola Iberica in epoca medievale e poi all'inizio del rinascimento non fuorno in opposizione bensì in contatto, l'articolo offre una panoramica sui rapporti tra le letterarure castigliana, catalana e poi italiana nella transizione dal Medioevo all' Età Moderna. Viene presa in esame la produzione di alcuni autori (Jordi de Sant Jordi, Ausàs March, Garcilaso de la Vega, Juan Boscán) e viene analizzata la dimensione intertestuale che li lega tra loro nonché ai grandi modellii poetici italiani.

Del último trovador a los poetas renacentistas. Contactos entre las literaturas hispánicas e italiana en las rutas del Mediterráneo

SIVIERO, Donatella
2005

Abstract

Partendo dall'idea che le culture e le relative lingue che si trovarono a convivere nella Penisola Iberica in epoca medievale e poi all'inizio del rinascimento non fuorno in opposizione bensì in contatto, l'articolo offre una panoramica sui rapporti tra le letterarure castigliana, catalana e poi italiana nella transizione dal Medioevo all' Età Moderna. Viene presa in esame la produzione di alcuni autori (Jordi de Sant Jordi, Ausàs March, Garcilaso de la Vega, Juan Boscán) e viene analizzata la dimensione intertestuale che li lega tra loro nonché ai grandi modellii poetici italiani.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11570/1433487
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact