Il patrimonio edilizio come continuità