Il mutamento tipologico nella funzionalità dei morfemi verbali: le lingue germaniche e l'indo-iranico