L'ipotermia accidentale, seppur lieve (temperatura [T] centrale compresa tra 36 e 33°C), determina infatti gravi alterazioni a carico della crasi ematica e dei sistemi cardiovascolare, endocrino e metabolico, che sono responsabili dell'aumento di mortalità e morbilità rilevato nei pazienti ipotermici rispetto a quelli mantenuti in condizioni di normotermia2.3. L'ipotermia perioperatoria deve quindi essere evitata; a questo scopo è necessario conoscere i complessi aspetti fisiopatologici della termoregolazione, oltre che i sistemi di misurazione della T corporea e i mezzi in atto disponibili per il riscaldamento del paziente.

L'anestesista rianimatore nella chemioipertermia intraoperatoria implicazioni intensivologiche in chemioipertermia addominale

DAVID, Antonio;SINARDI, Angelo
2008

Abstract

L'ipotermia accidentale, seppur lieve (temperatura [T] centrale compresa tra 36 e 33°C), determina infatti gravi alterazioni a carico della crasi ematica e dei sistemi cardiovascolare, endocrino e metabolico, che sono responsabili dell'aumento di mortalità e morbilità rilevato nei pazienti ipotermici rispetto a quelli mantenuti in condizioni di normotermia2.3. L'ipotermia perioperatoria deve quindi essere evitata; a questo scopo è necessario conoscere i complessi aspetti fisiopatologici della termoregolazione, oltre che i sistemi di misurazione della T corporea e i mezzi in atto disponibili per il riscaldamento del paziente.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11570/1557
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact