Parola, memoria e coscienza. La filosofia linguistica di Maine de Biran