La legge che rese "più uguali" gli italiani