Profilo emocoagulativo nel cane: Aspetti cronobiologici