LA F.E.A. NELLE FRATTURA DI OMERO