Questo volume studia l’idea della “trasposizione”, così come essa si manifesta in quelle enunciazioni teoriche della poetica antica che sembrano piú facilmente paragonabili al pensiero critico moderno. Nei primi due capitoli, la trasposizione è considerata dal punto di vista prevalentemente contenutistico del trasferimento di un certo motivo letterario da un’opera all’altra. Piú specificamente, il primo capitolo si sofferma su alcune premonizioni classiche dell’attuale problematica dell’intertestualità, additando nella famosa metafora platonica del magnete (la cosiddetta «pietra di Eraclea») un’efficace simbolizzazione della catena traspositiva che viene a stringere insieme una serie di opere attraversate da un’analoga “energia” creativa. Il secondo capitolo mostra come anche due poeti cronologicamente molto lontani, quali Callimaco ed Eugenio Montale, possano tuttavia affidare a una medesima immagine (quella delle “due vie”) la rappresentazione polemica del loro alternativo programma letterario. Nel terzo capitolo, l’idea della trasposizione è invece osservata dal punto di vista prevalentemente formale dei movimenti dello stile: in particolare, si tenta di mostrare come la teoria del “movimento del linguaggio”, elaborata per entro a certe attuali riflessioni sulla traduzione letteraria, possa trovare significative anticipazioni nell’antica prassi della riscrittura metafrastica dei testi ai fini della loro valutazione critica.

La Pietra di Eraclea. Tre saggi sulla poetica antica.

LOMBARDO, Giovanni
2006

Abstract

Questo volume studia l’idea della “trasposizione”, così come essa si manifesta in quelle enunciazioni teoriche della poetica antica che sembrano piú facilmente paragonabili al pensiero critico moderno. Nei primi due capitoli, la trasposizione è considerata dal punto di vista prevalentemente contenutistico del trasferimento di un certo motivo letterario da un’opera all’altra. Piú specificamente, il primo capitolo si sofferma su alcune premonizioni classiche dell’attuale problematica dell’intertestualità, additando nella famosa metafora platonica del magnete (la cosiddetta «pietra di Eraclea») un’efficace simbolizzazione della catena traspositiva che viene a stringere insieme una serie di opere attraversate da un’analoga “energia” creativa. Il secondo capitolo mostra come anche due poeti cronologicamente molto lontani, quali Callimaco ed Eugenio Montale, possano tuttavia affidare a una medesima immagine (quella delle “due vie”) la rappresentazione polemica del loro alternativo programma letterario. Nel terzo capitolo, l’idea della trasposizione è invece osservata dal punto di vista prevalentemente formale dei movimenti dello stile: in particolare, si tenta di mostrare come la teoria del “movimento del linguaggio”, elaborata per entro a certe attuali riflessioni sulla traduzione letteraria, possa trovare significative anticipazioni nell’antica prassi della riscrittura metafrastica dei testi ai fini della loro valutazione critica.
Estetica e Critica
88-7462-144-2
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11570/1674750
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact