Meso-epossidi quali fonti di composti enantiopuri