Sebbene esista una grande varietà di accumulatori, gli unici tipi commercialmente disponibili in un vasto intervallo di misure sono le batterie al piombo e quelle al nickel-cadmio. Queste ultime, a causa però del costo (più che triplo) e dell’onerosità del riciclo, sono più impiegate dove è richiesta una batteria leggera e di piccole capacità (< 5Ah). La larga disponibilità, il basso costo del piombo, l’ormai consolidata e meno onerosa tecnologia di smaltimento/riciclo, fanno sì che le batterie acide al piombo, invece, trovino tutt’oggi diffusa applicazione in impianti stazionari, per trazione e negli autoveicoli. La batteria redox al vanadio (VRB) è una batteria a flusso che impiega per il suo funzionamento coppie redox V(4+)/V(5+)//V(3+)/V(2+) in soluzione acquosa con acido solforico. E’ stata sviluppata negli ultimi 20 anni e sembra essere una promettente candidata per l’immagazzinamento di energia (80-98%) in sistemi di grande capacità. Presenta altri vantaggi rispetto alle batterie acide al piombo quali minori costi di acquisto e manutenzione, più lunghi tempi di vita (>16000 cicli), minore impatto ambientale ed altri ancora. Per queste ragioni le batterie VRB sembrano essere superiori ad ogni altro sistema di batterie attualmente disponibili e destinate a soppiantarle.

Forse sta per arrivare il tempo della pensione per le batterie al piombo

CATALFAMO, PAOLA;PRIMERANO, Patrizia;CORIGLIANO, Francesco
2006-01-01

Abstract

Sebbene esista una grande varietà di accumulatori, gli unici tipi commercialmente disponibili in un vasto intervallo di misure sono le batterie al piombo e quelle al nickel-cadmio. Queste ultime, a causa però del costo (più che triplo) e dell’onerosità del riciclo, sono più impiegate dove è richiesta una batteria leggera e di piccole capacità (< 5Ah). La larga disponibilità, il basso costo del piombo, l’ormai consolidata e meno onerosa tecnologia di smaltimento/riciclo, fanno sì che le batterie acide al piombo, invece, trovino tutt’oggi diffusa applicazione in impianti stazionari, per trazione e negli autoveicoli. La batteria redox al vanadio (VRB) è una batteria a flusso che impiega per il suo funzionamento coppie redox V(4+)/V(5+)//V(3+)/V(2+) in soluzione acquosa con acido solforico. E’ stata sviluppata negli ultimi 20 anni e sembra essere una promettente candidata per l’immagazzinamento di energia (80-98%) in sistemi di grande capacità. Presenta altri vantaggi rispetto alle batterie acide al piombo quali minori costi di acquisto e manutenzione, più lunghi tempi di vita (>16000 cicli), minore impatto ambientale ed altri ancora. Per queste ragioni le batterie VRB sembrano essere superiori ad ogni altro sistema di batterie attualmente disponibili e destinate a soppiantarle.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11570/1893582
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact