L'identità di sesso e il matrimonio: una strada percorribile?