G. Polizzi, Leopardi e "le ragioni della verità"