Universalismo e filologia: Erich Auerbach e le reazioni a «Mimesis»