Verso una nuova anatomia funzionale del linguaggio