Il potenziale ruolo protettivo delle riserve cerebrali e cognitive nello sviluppo dei sintomi clinici della malattia di Alzheimer