Wittgenstein: quando il linguaggio diventa una gabbia