Un sentiero interrotto. Il “cogito” cartesiano e il suo impossibile esito realistico