Universalismo e filologia. Auerbach e le reazioni a "Mimesis"