Tra poesia e physiología. Il sublime e la scienza della natura