La Iapigia destinataria privilegiata della monetazione magno-greca?