La monografia studia il tema della magia come viene presentato nella novellistica toscana del Trecento. Si sottolineano i differenti approcci dovuti al diverso milieu culturale degli autori, fra i quali spicca per complessita' Boccaccio, unico a non cosiderare i temi magici semplicemente come superstizioni contadine. Questo perche' il contesto della magia colta del suo tempo gli e' ben noto attraverso conoscenze dirette, nonche' attraverso l'apprezzamento della letteratura latina e mediolatina.

“Fantasima, fantasima che nella notte vai”. La cultura magica nelle novelle toscane del Trecento

MONTESANO, Marina
2000

Abstract

La monografia studia il tema della magia come viene presentato nella novellistica toscana del Trecento. Si sottolineano i differenti approcci dovuti al diverso milieu culturale degli autori, fra i quali spicca per complessita' Boccaccio, unico a non cosiderare i temi magici semplicemente come superstizioni contadine. Questo perche' il contesto della magia colta del suo tempo gli e' ben noto attraverso conoscenze dirette, nonche' attraverso l'apprezzamento della letteratura latina e mediolatina.
I volti della storia
8831103296
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11570/2022652
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact