Sul concetto di primalità nella percezione