L'interruzione della gravidanza: un diritto (quasi) incondizionato