I lettori dei papiri: dal commento autonomo agli scolii