Il glicogeno epatico e cardiaco in alcuni avvelenamenti sperimentali