Obiettivo. L’articolo approfondisce il tema degli Open Innovation Intermediaries (OII) assumendo la prospettiva delle imprese. Tale prospettiva, finora non rintracciata in letteratura, consente di mettersi dalla parte delle imprese orientate a sviluppare innovazione in collaborazione con la comunità online e di supportarle nel confronto e nella scelta della piattaforma che, realizzata da tali operatori, risulta più adatta alle loro esigenze. Metodologia. Lo studio, di natura qualitativa, si basa su un confronto comparativo di otto piattaforme, quattro più note e studiate e quattro di più recente costituzione e meno conosciute, attraverso l’analisi della letteratura sul tema e la realizzazione di rilevazioni sulle piattaforme online. Risultati. L’analisi evidenzia alcuni trend riguardanti le piattaforme, realizza una distinzione tra i differenti operatori, basandosi sulle loro caratteristiche distintive, sui settori con le cui imprese gli OII collaborano e sui loro servizi. Questo confronto fornisce un primo e completo profilo di tali operatori, esaminando le informazioni più rilevanti per la scelta della piattaforma da parte dei seekers. Limiti della ricerca. Il limite principale è rappresentato dal numero ridotto dei casi analizzati. Implicazioni pratiche. Sotto il profilo manageriale il lavoro mappa per la prima volta le piattaforme degli OII ad uso delle imprese che intendono adottare questo modello di innovazione aperta. Sotto un profilo teorico, esso completa l’analisi dei maggiori operatori con l’esame dei settori e dei servizi offerti, contribuendo ad una maggiore comprensione del fenomeno e della sua evoluzione anche in Italia, dove è nata la prima piattaforma di open innovation. Originalità del lavoro. Il lavoro è originale sotto diversi profili: (1) studia per la prima volta gli OII secondo la prospettiva delle imprese; (2) fornisce una prima definizione delle caratteristiche salienti delle piattaforme, mancante in letteratura; (3) mette a confronto caratteristiche, settori e servizi offerti dalle piattaforme; (4) evidenzia la necessità di una scelta accurata dell’operatore per una innovazione di successo.

Le piattaforme di innovazione online: la prospettiva delle imprese

ABBATE, Tindara
2013-01-01

Abstract

Obiettivo. L’articolo approfondisce il tema degli Open Innovation Intermediaries (OII) assumendo la prospettiva delle imprese. Tale prospettiva, finora non rintracciata in letteratura, consente di mettersi dalla parte delle imprese orientate a sviluppare innovazione in collaborazione con la comunità online e di supportarle nel confronto e nella scelta della piattaforma che, realizzata da tali operatori, risulta più adatta alle loro esigenze. Metodologia. Lo studio, di natura qualitativa, si basa su un confronto comparativo di otto piattaforme, quattro più note e studiate e quattro di più recente costituzione e meno conosciute, attraverso l’analisi della letteratura sul tema e la realizzazione di rilevazioni sulle piattaforme online. Risultati. L’analisi evidenzia alcuni trend riguardanti le piattaforme, realizza una distinzione tra i differenti operatori, basandosi sulle loro caratteristiche distintive, sui settori con le cui imprese gli OII collaborano e sui loro servizi. Questo confronto fornisce un primo e completo profilo di tali operatori, esaminando le informazioni più rilevanti per la scelta della piattaforma da parte dei seekers. Limiti della ricerca. Il limite principale è rappresentato dal numero ridotto dei casi analizzati. Implicazioni pratiche. Sotto il profilo manageriale il lavoro mappa per la prima volta le piattaforme degli OII ad uso delle imprese che intendono adottare questo modello di innovazione aperta. Sotto un profilo teorico, esso completa l’analisi dei maggiori operatori con l’esame dei settori e dei servizi offerti, contribuendo ad una maggiore comprensione del fenomeno e della sua evoluzione anche in Italia, dove è nata la prima piattaforma di open innovation. Originalità del lavoro. Il lavoro è originale sotto diversi profili: (1) studia per la prima volta gli OII secondo la prospettiva delle imprese; (2) fornisce una prima definizione delle caratteristiche salienti delle piattaforme, mancante in letteratura; (3) mette a confronto caratteristiche, settori e servizi offerti dalle piattaforme; (4) evidenzia la necessità di una scelta accurata dell’operatore per una innovazione di successo.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11570/2638768
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact