La Corte di giustizia esclude che la condanna ad una pena detentiva o il congedo con disonore, in conseguenza di un rifiuto sopraggiunto di prestare servizio militare in un conflitto, possa costituire un atto di persecuzione ai fini della concessione dello status di rifugiato