Commento all'ordinanza del Tribunale di Roma del 30 maggio 2015, che ha riconosciuto discriminatorio e dunque illegale il trasferimento ordinato dal Comune di Roma delle comunità rom, sinti e caminanti nell’area di confine fra Roma e Ciampino denominata «La Barbuta», in ossequio alla giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell'uomo.

«CAMPI NOMADI»: DISCRIMINATORIE PER IL TRIBUNALE DI ROMA LE SOLUZIONI ABITATIVE RISERVATE AI SOLI CITTADINI DI ETNIA ROM. UN IMPORTANTE PASSO AVANTI RISPETTO ALLA GIURISPRUDENZA DI STRASBURGO?

PITRONE, Anna
2015

Abstract

Commento all'ordinanza del Tribunale di Roma del 30 maggio 2015, che ha riconosciuto discriminatorio e dunque illegale il trasferimento ordinato dal Comune di Roma delle comunità rom, sinti e caminanti nell’area di confine fra Roma e Ciampino denominata «La Barbuta», in ossequio alla giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell'uomo.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11570/3062229
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact