I soggetti con DDAI: deficit di attenzione o attenzione diffusa?