“Dal profondo a te grido, o Signore”. Per una teologia chenotica della croce