Il contributo ricostruisce le vicende del cataletto dipinto da Domenico Beccafumi nel 1521 per la confraternita dei Santi Niccolò e Lucia di Siena, passato poco più di un secolo dopo nelle collezioni medicee e poi andato disperso, recuperando una delle tavole originali (il San Niccolò di Ca' Rezzonico a Venezia) in aggiunta alla già nota Santa Lucia della collezione della Banca Monte dei Paschi di Siena, e immaginando attraverso repliche come doveva apparire la tavola perduta con la Madonna col Bambino.

G. FATTORINI, M. OCCHIONI Domenico Beccafumi e il cataletto dei Santi Niccolò e Lucia (con alcune note su Cristoforo Roncalli e Rutilio Manetti)

G. FATTORINI
2018

Abstract

Il contributo ricostruisce le vicende del cataletto dipinto da Domenico Beccafumi nel 1521 per la confraternita dei Santi Niccolò e Lucia di Siena, passato poco più di un secolo dopo nelle collezioni medicee e poi andato disperso, recuperando una delle tavole originali (il San Niccolò di Ca' Rezzonico a Venezia) in aggiunta alla già nota Santa Lucia della collezione della Banca Monte dei Paschi di Siena, e immaginando attraverso repliche come doveva apparire la tavola perduta con la Madonna col Bambino.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11570/3133268
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact