Si annota l'ordinanza della Corte di Cassazione, Sezione VI Civile, ordinanza 2 febbraio 2019, n. 5777 nella quale i Supremi giudici si soffermano ancora una volta sul contraddittorio endoprocedimentale in caso di indagini bancarie. L'Autrice, dopo un breve inquadramento normativo e giurisprudenziale, si sofferma a commentare le conclusioni alle quali la Corte perviene rilevando come esse tendano a ribadire i confini estremamente limitati del principio predetto, nonostante un diverso sentire del contesto comunitario e del legislatore nazionale.

La Corte di Cassazione non mostra ripensamenti sulla dimensione limitata da riconoscere al principio del contraddittorio endoprocedimentale

Accordino P.
2019

Abstract

Si annota l'ordinanza della Corte di Cassazione, Sezione VI Civile, ordinanza 2 febbraio 2019, n. 5777 nella quale i Supremi giudici si soffermano ancora una volta sul contraddittorio endoprocedimentale in caso di indagini bancarie. L'Autrice, dopo un breve inquadramento normativo e giurisprudenziale, si sofferma a commentare le conclusioni alle quali la Corte perviene rilevando come esse tendano a ribadire i confini estremamente limitati del principio predetto, nonostante un diverso sentire del contesto comunitario e del legislatore nazionale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11570/3140148
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact