Il fattore del territorio di passaggio e l'integrazione del migrante "stanziale"