Tra Wiener e Morin. Dalla cibernetica alla sibernetica