Il lavoro affronta la problematica dell'ammissibilità e del valore probatorio delle dichiarazioni di terzi nel processo tributario, in considerazione del divieto di testimonianza sancito dal comma 4 del D.Lgs. 31 dicembre 1992, n. 546, riconoscendo alle stesse il valore di "meri argomenti di prova", da soli non sufficienti - a differenza della "vera" prova testimoniale - a fondare la sentenza del giudice (e, prima, l'atto dell'Amministrazione finanziaria).

L’EFFICACIA PROBATORIA DELLE DICHIARAZIONI DI TERZI NEL PROCESSO TRIBUTARIO

Andrea Colli Vignarelli
2019

Abstract

Il lavoro affronta la problematica dell'ammissibilità e del valore probatorio delle dichiarazioni di terzi nel processo tributario, in considerazione del divieto di testimonianza sancito dal comma 4 del D.Lgs. 31 dicembre 1992, n. 546, riconoscendo alle stesse il valore di "meri argomenti di prova", da soli non sufficienti - a differenza della "vera" prova testimoniale - a fondare la sentenza del giudice (e, prima, l'atto dell'Amministrazione finanziaria).
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
RDT Online 2019 dich 3'.pdf

solo utenti autorizzati

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 124.2 kB
Formato Adobe PDF
124.2 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11570/3148879
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact