UN'ELEVATA VELOCITA' CORONARICA INTRAMURALE CARATTERIZZA MOLTI PAZIENTI CON STENOSI AORTICA SEVERA MA ANCHE ALCUNI CON STENOSI MODERATA: POSSIBILI IMPLICAZIONI FISIOPATOLOGICHE