Sebbene la riforma dell’aprile 2015, n. 47, abbia introdotto il requisito dell’attualità anche nell’ambito della fattispecie cautelare prevista dall’art. 274, lett. c, c.p.p., ciò non implica alcun mutamento nella valutazione prognostica di ricaduta nel delitto: invero, secondo la sentenza della suprema Corte, è sufficiente esprimere il giudizio cautelare, basandosi su elementi di fatto attinenti la personalità dell’indagato e le concrete modalità del fatto.

L'ATTUALITA' DEL PERICOLO DI REITERAZIONE DEL REATO NELL'ART. 274 C.P.P.

CORRADO RIZZO
2019

Abstract

Sebbene la riforma dell’aprile 2015, n. 47, abbia introdotto il requisito dell’attualità anche nell’ambito della fattispecie cautelare prevista dall’art. 274, lett. c, c.p.p., ciò non implica alcun mutamento nella valutazione prognostica di ricaduta nel delitto: invero, secondo la sentenza della suprema Corte, è sufficiente esprimere il giudizio cautelare, basandosi su elementi di fatto attinenti la personalità dell’indagato e le concrete modalità del fatto.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
ESTRATTO lavoro su art. 274.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 373.59 kB
Formato Adobe PDF
373.59 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11570/3151331
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact