"Nessun animale può ridere tranne l'uomo". Per una teoria del comico nel Rinascimento