Il lavoro analizza in senso critico l' ordinanza 11 febbraio 2020, n. 3227, della Corte di Cassazione, che afferma che in materia di IVA la proposta di mediazione, di cui al D. Lgs. n. 546 del 1992, art. 17-bis, avanzata dall’Ufficio in sede di ricorso/reclamo del contribuente, non esonera quest’ultimo dall’onere, su di esso gravante, di enunciare in concreto le ragioni che avrebbe potuto far valere, se fosse stato attivato il contraddittorio endoprocedimentale ex art. 12, comma 7, L. 27 luglio 2000, n. 212.

Contraddittorio endoprocedimentale, sua violazione e rilevanza della c. d. “prova di resistenza”

colli vignarelli andrea
2020

Abstract

Il lavoro analizza in senso critico l' ordinanza 11 febbraio 2020, n. 3227, della Corte di Cassazione, che afferma che in materia di IVA la proposta di mediazione, di cui al D. Lgs. n. 546 del 1992, art. 17-bis, avanzata dall’Ufficio in sede di ricorso/reclamo del contribuente, non esonera quest’ultimo dall’onere, su di esso gravante, di enunciare in concreto le ragioni che avrebbe potuto far valere, se fosse stato attivato il contraddittorio endoprocedimentale ex art. 12, comma 7, L. 27 luglio 2000, n. 212.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11570/3160161
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact