Il contributo è una nota alla sentenza n. 217/3/15 della Commissione tributaria provinciale di Reggio Emilia. Con tale decisione la Commissione ha sostanzialmente disapplicato la sentenza n. 10/2015 della Corte costituzionale, che aveva dichiarato l'illegittimità costituzionale delle norme che prevedevano la cosiddetta "Robin Tax" solo per il futuro ma non anche per il giudizio "a quo". La pronuncia rivela una condizione più generale di sofferenza della giustizia costituzionale italiana, che richiederebbe qualche intervento riformatore.

Principio di totalità e «illegittimità della motivazione»: il seguito giurisprudenziale della sentenza della Corte costituzionale sulla Robin Tax (a proposito di Comm. Trib. prov. di Reggio Emilia, 12 maggio 2015, n. 217/3/15)

MORELLI A
2015

Abstract

Il contributo è una nota alla sentenza n. 217/3/15 della Commissione tributaria provinciale di Reggio Emilia. Con tale decisione la Commissione ha sostanzialmente disapplicato la sentenza n. 10/2015 della Corte costituzionale, che aveva dichiarato l'illegittimità costituzionale delle norme che prevedevano la cosiddetta "Robin Tax" solo per il futuro ma non anche per il giudizio "a quo". La pronuncia rivela una condizione più generale di sofferenza della giustizia costituzionale italiana, che richiederebbe qualche intervento riformatore.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11570/3173093
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact