Settant'anni: la "Costituzione più bella del mondo"?