Recensione a Marco Veglia, Dante leggero. Dal priorato alla «Commedia»